Questo sito web è destinato esclusivamente a informare e dare informazioni generali sui ceppi probiotici per i professionisti del settore sanitario e alimentare

Una guida rapida per scegliere il giusto prodotto probiotico

Informazioni sui probiotici Qualità
5 Min lettura

I ceppi probiotici migliori per supportare la salute sono quelli associati a benefici per la salute provati mediante importanti studi scientifici. Per scegliere il giusto prodotto probiotico, abbiamo preparato una guida rapida che evidenzia i punti chiave associati ai prodotti probiotici di qualità.

I probiotici non sono tutti uguali

Quando un beneficio per la salute è associato a un particolare ceppo probiotico in uno studio scientifico, il beneficio è specifico solo per quel particolare ceppo probiotico. 

Ad esempio, i benefici per la salute associati al nostro Lactobacillus rhamnosus, LGG®1 (di seguito denominato con l'uso del marchio LGG®) non si estendono ad altri ceppi di lactobacillus rhamnosus. Ciò significa che il Lactobacillus rhamnosus, GR-1® non è in grado di offrire gli stessi benefici per la salute di LGG®, nonostante entrambi siano ceppi di Lactobacillus rhamnosus.

Se un prodotto probiotico contiene più di un ceppo probiotico, non significa necessariamente che offrirà più benefici per la salute. Combinazioni specifiche di ceppi (ad esempio, prodotti composti da più ceppi) devono aver dimostrato un beneficio per la salute in uno studio scientifico2

. I risultati scientifici di un ceppo probiotico sono specificamente correlati ai partecipanti di quel particolare studio (ad esempio, se il beneficio è stato osservato in uno studio condotto su adulti, allora il ceppo non offre necessariamente beneficio a un neonato).3

I risultati scientifici di un ceppo probiotico sono specificamente correlati all'area della salute studiata (ad esempio, se un ceppo è associato al supporto della salute immunitaria, non significa che sia in grado di supportare la salute intestinale, orale, ecc.).

 

La giusta quantità

I prodotti probiotici contengono da milioni fino a miliardi di batteri vivi, ciascuno dei quali può formare comunità batteriche (ovvero colonie); pertanto, il numero di batteri probiotici in un prodotto è dato come Unità Formanti Colonie (UFC). 2
Un numero più elevato di UFC non significa che si tratti di un probiotico migliore.4
Da 500 milioni a 50 miliardi di UFC sono stati associati a vari benefici per la salute. La quantità necessaria dipende dal ceppo usato e dall'area della salute.5
Maggiori informazioni sui ceppi probiotici e sui loro benefici per la salute respiratoria, feci occasionalmente molli e pianto ed irritabilità eccessivi.

 
Cosa cercare quando si acquistano i probiotici

Cosa cercare?

Ceppi batterici Apri Chiudi

Idealmente, un prodotto probiotico elenca integralmente i nomi dei fermenti, in modo da poter identificare lo specifico ceppo contenuto all'interno del prodotto. 

Prendiamo ad esempio il Lactobacillus rhamnosus GG, LGG®.
"Lactobacillus" è il genere, "rhamnosus" è la specie, "GG" è il ceppo e "LGG®" è il marchio registrato specifico del ceppo prodotto da Chr. Hansen. Se il ceppo non è riportato in etichetta, non è possibile sapere quali sono i possibili benefici per la salute apportati dal prodotto probiotico.

Quindi, occorre scegliere prodotti che includono in etichetta il ceppo e non solo il genere o la specie. Questo è importante perché ceppi diversi possono contribuire a supportare aree diverse proprio per le loro caratteristiche esclusive, anche quando provengono dallo stesso genere e specie.
Maggiori informazioni su "Cosa sono i probiotici?"

Dichiarazioni e uso consigliato Apri Chiudi

Qui viene spiegato come utilizzare il prodotto, e l'area della salute che il prodotto può supportare. Qualsiasi dichiarazione deve essere supportata scientificamente.

Conta totale delle cellule vitali (UFC) Apri Chiudi

Leggere il numero di batteri vivi (UFC) nel prodotto (talvolta scritto come "fermenti vivi"). Evitare che i prodotti riportano in etichetta solo le UFC "al momento della produzione": questa etichettatura non tiene conto del calo delle UFC durante lo stoccaggio. Le UFC elencate sono generalmente rappresentative della conta totale, sebbene, nei prodotti composti da più ceppi, sia preferibile il conteggio di ogni singolo ceppo: in questo modo è possibile garantire la quantità raccomandata di ogni specifico ceppo. Le UFC elencate in etichetta del prodotto devono corrispondere alla quantità associata ai benefici documentati per la salute .

Il numero di batteri in un prodotto probiotico diminuisce nel tempo

I probiotici sono microrganismi vivi e, per funzionare correttamente, devono essere vivi quando vengono consumati. 
Il numero di batteri vivi in un prodotto probiotico diminuirà tra la produzione e l'acquisto. Su un'etichetta probiotica, prestare attenzione al livello di UFC al termine del periodo di validità (scadenza potenziale di un prodotto). Questo numero deve rientrare nello stesso intervallo utilizzato nello studio scientifico che ha dimostrato il beneficio per la salute del probiotico.2 La quantità di probiotico (UFC) presente alla data di produzione non è importante quanto la quantità presente alla fine del 'periodo di validità'.
Non tutti i probiotici2 devono essere refrigerati per mantenerne la funzionalità; in realtà, la maggior parte di essi può essere mantenuto a temperatura ambiente. 4

 

Consumare in sicurezza

Le persone che generalmente sono in salute possono consumare probiotici nell'ambito della loro dieta quotidiana.4
Il ceppo probiotico deve essere approvato per il consumo umano da un'autorità di regolamentazione o di sicurezza alimentare riconosciuta:

  • GRAS (generalmente riconosciuta come sicura) notificata alla FDA negli Stati Uniti6
  • QPS (Qualified Presumption of Safety) concesso dall'EFSA in Europa7

Consulta un professionista sanitario per maggiori informazioni sui probiotici a supporto della salute.


LGG® è un marchio registrato di Chr. Hansen A/S.

L'articolo è fornito per scopi informativi riguardanti i probiotici e non intende suggerire che qualsivoglia sostanza citata nel documento sia destinata a diagnosticare, curare, mitigare, trattare o prevenire qualsiasi malattia.

Elenco bibliografico

1. Hojsak I, et al. Lactobacillus GG in the prevention of nosocomial gastrointestinal and respiratory tract infections. Pediatrics. 2010;125 (5): e1171-7. (PubMed)

2. Jackson SA, et al. Improving End-User Trust in the Quality of Commercial Probiotic Products. Frontiers in Microbiology. 2019;10:739. (PubMed)

3. McFarland LV, et al. Strain-Specificity and Disease-Specificity of Probiotic Efficacy: Revisione sistemica e meta-analisi. Front Med (Losanna). 2018;5:124-. (PubMed)

4. Organizzazione Mondiale per la Gastroenterologia. Linee guida globali dell'Organizzazione Mondiale della Gastroenterologia - Probiotici e prebiotici. 2017

5. Hao Q, et al. Probiotics for preventing acute upper respiratory tract infections. Cochrane Database Syst Rev. 2011 (9): Cd006895. (PubMed)

6. Food and Drug Administration (FDA). GRAS Notice Inventory > Lettera di risposta dell'ente. Avviso GRAS n. GRN 000049. 2002.

7. Commissione EFSA sui rischi biologici (BIOHAZ). Comunicazione relativa all'aggiornamento dell'elenco degli agenti biologici intenzionalmente aggiunti negli alimenti o ai mangimi, raccomandati per l’assegnazione dello stato di QPS come notificato all'EFSA 3: Adeguatezza delle unità tassonomiche notificate all' EFSA fino a settembre 2015. EFSA Journal. 2015;13:4331.

Cosa sono

i probiotici?

Scopri di più su cosa sono i probiotici e su come influenzano le condizioni di salute

Cosa fare

cerca

Leggi i consigli chiave su come scegliere un prodotto probiotico di alta qualità

I nostri ceppi

Scopri di più su alcuni dei ceppi probiotici più documentati al mondo e sui loro diversi benefici per la salute

ShareModalLabel