Lactobacillus rhamnosus, LGG®

- il ceppo probiotico più documentato al mondo

6 Min lettura

Lactobacillus rhamnosus, LGG® (di seguito denominato attraverso il marchio registrato LGG®) di Chr. Hansen è stato oggetto di approfondite indagini in studi scientifici sull'uomo, i cui risultati sono stati divulgati in oltre 250 pubblicazioni. Alcune delle aree più studiate sono gastroenterologia, immunologia e odontoiatria, con comprovati benefici per la salute osservati in bambini, adulti e neonati.

Nota

Il vero LGG® di Chr. Hansen è il ceppo probiotico più documentato al mondo.

Chr. Hansen Lactobacillus rhamnosus, LGG® 

Il ceppo LGG® è stato isolato da un campione di intestino umano nel 19851.
Il ceppo LGG® viene utilizzato in tutto il mondo dal 1990 come ingrediente negli integratori alimentari, senza problemi di sicurezza. Il ceppo LGG® è stato citato in oltre 250 pubblicazioni che descrivono studi scientifici sull'uomo.
Il ceppo è stato studiato in varie aree sanitarie, nei neonati,2 nei bambini prematuri,3 nei bambini,4, 5, 6 nelle donne in gravidanza,7, 8 negli adulti,9 e negli anziani, 10 senza specifici problemi di sicurezza.

Nota

Il vero LGG® di Chr. Hansen è quello utilizzato in oltre il 75% di tutte le pubblicazioni scientifiche che indagano il ceppo Lactobacillus rhamnosus GG.

Il ceppo probiotico
più documentato al mondo
Più di
studi clinici
pubblicati
Ceppo probiotico LGG per bambini

LGG® di Chr. Hansen è stato associato a diversi benefici per la salute

Nei bambini, alcune delle aree sanitarie maggiormente oggetto di ricerca con il ceppo LGG® sono:


Feci molli e acquose

LGG® è stato associato a un minor numero di casi2 a episodi più brevi di feci molli e acquose6, 11, 12 e a un miglioramento più rapido nella consistenza delle feci. 4,12

Problemi di salute correlati al ricovero ospedaliero

LGG® è stato associato a un minor numero di patologie dell'apparato digerente correlate all'ospedalizzazione5 e a un minor numero di episodi di disturbi delle vie respiratorie che possono verificarsi dopo l'ospedalizzazione. 5

Problematiche immunitarie correlate alla salute respiratoria

LGG® è stato associato a una minore incidenza dei problemi respiratori, 5, 13 una minore incidenza di problemi respiratori con durata superiore a tre giorni,5, 13 e a molti meno giorni affetti da sintomi di disturbi respiratori. 1 3

Salute orale

Sulla base di una valutazione scientifica e microbiologica, LGG® è stato associato a denti più sani,14 e a minori livelli di batteri specifici che contribuiscono alla scarsa salute orale.15

Negli adulti, alcune delle aree sanitarie maggiormente oggetto di ricerca con LGG® sono:

 
Feci molli correlate ai viaggi

LGG® è stato associato a una riduzione dell'incidenza di feci molli a cui i viaggiatori di solito vanno incontro quando viaggiano in paesi, regioni e aree che presentano maggiori probabilità di essere esposti a batteri sconosciuti.9

 
Salute immunitaria

L'integrazione probiotica con LGG® è stata associata a livelli significativamente più elevati di anticorpi (proteine naturali integrate nella funzione del sistema immunitario), il che suggerisce che sia di supporto per la salute immunitaria.16

 
Il probiotico LGG per adulti

Sicurezza

LGG® è sicuro per il consumo umano e ha ottenuto lo stato di QPS (Qualified Presumption of Safety) in Europa17 ed è stato riconosciuto come GRAS (Generally Recognized as Safe) dalla Food and Drug Administration statunitense,18 senza problemi legati alla sicurezza.

LGG® è un marchio registrato di Chr. Hansen.

L'articolo è fornito per scopi informativi riguardanti i probiotici e non intende suggerire che qualsivoglia sostanza citata nel documento sia destinata a diagnosticare, curare, mitigare, trattare o prevenire qualsiasi malattia.
 
I nostri ceppi di probiotici Chr. Hansen

Qui in Chr. Hansen, i nostri ceppi sono supportati dalla scienza. Tutti i nostri ceppi probiotici sono supportati da documentazione clinica. Scoprite di più sugli effetti benefici che i nostri ceppi hanno sulle diverse aree salutistiche.

Elenco bibliografico

  1. Goldin BR, et al. Dig Dis Sci. 1992;37(1):121-8. (PubMed)
  2. Arvola T, et al.Pediatrics. 1999;104(5):e64. (PubMed)
  3. Underwood MA, et al.  J Pediatr Gastroenterol Nutr. 2009;48(2):216-25. (PubMed)
  4. Vanderhoof JA, et al.The Journal of Pediatrics. 1999;135(5):564-8. (PubMed)
  5. Hojsak I, et al.Pediatrics. 2010;125(5):e1171-7. (PubMed)
  6. Isolauri E, et al. Pediatrics. 1991;88(1):90-7. (PubMed)
  7. Gueimonde M, et al.J Pediatr Gastroenterol Nutr. 2006;42(2):166-70. (PubMed)
  8. Lahtinen SJ, et al.J Allergy Clin Immunol. 2009;123(2):499-501. (PubMed)
  9. Hilton E, et al. J Travel Med. 1997;4(1):41-3. (PubMed)
  10. Hatakka K, et al.J Dent Res. 2007;86(2):125-30. (PubMed)
  11. Sindhu KNC, et al.Infectious Diseases Society of America. 2014;58(8):1107-15. (PubMed)
  12. Aggarwal S, et al.Indian J Med Res. 2014;139(3):379-85. (PubMed)
  13. Hojsak I, et al.Clin Nutr. 2010;29(3):312-6. (PubMed)
  14. Nase L, et al.Caries Res. 2001;35(6):412-20. (PubMed)
  15. Glavina D, et al.Coll Antropol. 2012;36(1):129-32. (PubMed)
  16. Davidson LE, et al. Eur J Clin Nutr. 2011;65(4):501-7. (PubMed)
  17. EFSA Panel on Biological Hazards (BIOHAZ). EFSA Journal. 2015;13:4331.
  18. Food and Drug Administration. GRAS Notice Inventory > Agency Response Letter. GRAS Notice No GRN 000049. 2002.

Cosa sono

i probiotici?

Scopri di più su cosa sono i probiotici e su come influenzano le condizioni di salute

Cosa fare

cerca

Leggi i consigli chiave su come scegliere un prodotto probiotico di alta qualità

I nostri ceppi

Scopri di più su alcuni dei ceppi probiotici più documentati al mondo e sui loro diversi benefici per la salute

Share this with: